Mastoplastica additiva: quanto dolore si prova dopo, quanto dura

@FanBody - 31/01/2018

La mastoplastica additiva è un intervento di chirurgia estetica che, come si intuisce dal nome, porta a modellare, scolpire e ingrandire il seno di una donna. Sottoporsi ad una mastoplastica è, solitamente, una scelta personale che ognuna deve compiere in autonomia, armata di tanta consapevolezza e delle giuste informazioni.
Dopo aver compreso a fondo il significato dell’intervento, sorgono i primi dubbi sulla scelta del chirurgo e sul tipo di intervento specifico a cui ci si dovrà sottoporre. Uno su tutti è il tormento che assilla sempre, come uno spauracchio, prima dell’operazione: “quanto mi farà male?”, “Come affronterò il mio post operatorio?” Ecco tutto quello che c’è da sapere su eventuali dolori, gonfiori e tempi di recupero in seguito a un intervento di mastoplastica additiva.

Mastoplastica additiva: farà male?

La grande maggioranza delle donne che si vogliono sottoporre a mastoplastica additiva pongono molta enfasi sul post operatorio, e sulla preoccupazione per i possibili dolori causati dall’intervento di modellazione del seno. Tra i sintomi più frequenti ci sono la sensazione di intorpidimento, di gonfiore e i lividi. Quanto al dolore, la soglia di tolleranza è del tutto personale ed è difficile stabilire con assoluta precisione quanto male ci farà l’intervento, perché ogni donna è diversa. Anche il recuperò sarà molto soggettivo e varierà non solo in base alla nostra capacità di ascoltare i consigli del chirurgo, ma anche sulla base della tecnica di intervento utilizzata e alla nostra salute fisica generale.

Da che cosa è causato il dolore a seguito di una mastoplastica additiva?

Esistono molti fattori concorrenti che possono causare dolore dopo un intervento di chirurgia plastica. Le tecniche più moderne di mastoplastica, come la dual plane che prevede l’inserimento di protesi in gel che hanno un aspetto più naturale, richiedono pochi giorni di recupero e, in generale, provocano meno dolore delle altre tecniche, come la sottomuscolare o la sottoghiandolare. Il chirurgo saprà consigliare, sulla base delle caratteristiche uniche della tipologia di seno, qual è l’intervento più adatto alle esigenze e, soprattutto, il meno doloroso. Il dolore della mastoplastica può essere causato dallo stiramento dei tessuti (o del muscolo) che viene effettuato per introdurre le protesi sotto la pelle o, nel caso della mastoplastica sottomuscolare, sotto il muscolo. La durata del dolore è, come già anticipato, molto soggettiva. In generale i più difficili sono i primi 3-4 giorni dopo l’intervento.